Journalize!

cronache finanziarie dal volto umano

Posts Tagged ‘disoccupazione

Istat, una donna su due è senza lavoro

with one comment

Il tasso di disoccupazione italiano ad agosto tocca il livello minimo dal settembre 2009, ma il
quadro rimane fosco: una donna su due, e un giovane su quattro, rimangono fuori dal mercato del
lavoro. Secondo i dati rivelati ieri dall’Istat, la percentuale degli inoccupati scende dunque all’8,2
per cento, rispetto all’8,4 di giugno e luglio. Numeri al di sotto della media Ue, invariata al 10,1 per
cento. In calo anche i dati riferiti ai giovani dai 15 ai 24 anni, 25,9 per cento, contro un 26,7 per
cento registrato a luglio, mentre aumentano di poco, più 0,4 per cento su luglio 2010, le donne
inattive: 49,2 per cento.
«I dati congiunturali sull’occupazione costituiscono finalmente un inequivoco segnale positivo che
nessuna Cassandra potrà contestare» ha commentato ostentando soddisfazione in ministro del
Welfare Maurizio Sacconi in una nota, aggiungendo che: «scende significativamente il tasso di
disoccupazione senza che peggiori il tasso d’inattività. Scende altrettanto significativamente il tasso
di disoccupazione giovanile. Conferma una tendenza a crescere il tasso di occupazione». Per
Sacconi, tuttavia, guai ad abbassare la guardia, che va tenuta alta «per la protezione di coloro che
sono costretti all’inattività e soprattutto per una maggiore capacità delle Regioni di realizzare
politiche di accompagnamento al lavoro e di buona formazione».
Per i tecnici guidati da Enrico Giovannini, sebbene emerga una generale « attenuazione del
deterioramento del mercato del lavoro», la flessione è favorita dall’incremento «dell’inattività
femminile». L’occupazione femminile, dunque, cresce di 0,2 punti percentuali rispetto a luglio
2010, ma cala – sempre di 0,2 punti – se confrontata con i dati di 12 mesi fa. Sul 2010, la
contrazione risulta pari allo 0,3 per cento, ovvero è occupato il 46,1 per cento delle donne di età
compresa tra 15 e 64 anni.
Un altro dato preoccupante concerne la riduzione delle persone in cerca di lavoro, a meno 2,4 per
cento – pari a 50mila unità – rispetto a luglio, in crescita del 3,6 per cento su base annua. Di segno
contrario le stime su base congiunturale relative al gentil sesso: meno 6,7 per cento, pari a 66mila
persone che hanno abbandonato la ricerca di occupazione. In valori assoluti, se tra luglio e agosto
50mila persone sono entrate nel mondo del lavoro, nello stesso periodo 41mila persone sono andate
ad ingrossare le fila degli inattivi, cioè di chi non è occupato e non cerca nemmeno lavoro. Rispetto
a luglio, la percentuale degli uomini che si trovano in questa condizione sale dello 0,1 per cento a
quota 5.229 milioni, 0,4 per cento a 9.756 milioni le donne.
«Guardando gli altri Paesi europei», spiega Alessandro Rosina, professore associato di Demografia
all’Università Cattolica di Milano ed ex ricercatore Istat, «l’anomalia costante dell’Italia è il non
riuscire ad aumentare la partecipazione attiva dei giovani e delle donne nel mercato del lavoro».
Come mai? «Si dice sempre sia un problema strutturale», osserva Rosina, «in realtà bisogna fare
un distinguo: in termini di spesa sociale l’Italia ha tenuto il passo degli altri Paesi europei, ma
rimane più squilibrata, allocando pochissime risorse di welfare attivo per le donne e i giovani».
Nonostante l’Istat mostri un dato in diminuzione per il quarto mese consecutivo, la disoccupazione
giovanile si avvicina pericolosamente al 30 per cento, mentre sugli «scoraggiati» non esistono stime
certe. «Rientrano nel mare magnum di quelli che in gergo si definiscono neet: not in education,
employment or training», commenta il professore: «secondo i dati Istat, oltre due milioni di giovani
tra i 15 e i 34 anni non hanno ancora un’esperienza di lavoro della durata superiore a tre mesi, il
60 per cento di loro è rappresentato da donne. L’assenza di adeguati ammortizzatori sociali oltre
alla famiglia di origine, oltretutto, lascia alle aziende la possibilità di sfruttarli». Indipendentemente
dalla ricchezza del curriculum: uno studio condotto dal prof. Rosina su dati Eurostat evidenzia
come, per i giovani italiani under 30, i livelli di occupazione siano inferiori di cinque punti
percentuali rispetto alla media Ue per chi possiede un titolo di studio basso, livello che sale al 20
per cento per i laureati. Quali soluzioni? «Tanto per le politiche di conciliazione lavoro – famiglia
per le donne, quanto per favorire l’imprenditorialità dei giovani, anziché eliminarla, si sarebbe
potuto usare l’Ici per finanziare sul territorio un welfare attivo, non assistenziale».

Il Riformista 2 ottobre 2010

Written by tony

ottobre 2, 2010 at 12:16 pm

Pubblicato su economia

Tagged with , ,

La Spagna farà la fine della Grecia?

leave a comment »

Una giornata particolare per la piazza iberica. Due giorni il downgrade della Spagna da par- te di Standard & Poor’s, che ha ridotto da AA+ a AA- con ou- tlook negativo il suo rating sovrano, lo spread di rendimento tra i titoli di Stato decennali contro il bund tedesco, il punto di riferimento per l’area euro, è tornato a 127 punti base, dopo i massimi di due giorni fa. I Cre- dit default swap, i derivati che misurano quanto costa assicu- rarsi contro la bancarotta di Madrid, sono invece rimasti invariati a quota 175 punti base ri- spetto ai 187 di due giorni fa, lontani dagli oltre 700 punti ba- se della Grecia.
Ieri è arrivata l’autocritica dello spagnolo Joaquin Almunia, vicepresidente della Commissione europea e commissario Ue alla Concorrenza, che ha spiegato come la causa del propagarsi dei timori di contagio per i cosiddetti Piigs, le nazioni meno virtuose finanziariamente dell’Ue, sia stata dettata da una reazione lenta, da parte di Bruxelles, nel fronteggiare il
problema greco. Il grande di- lemma della Spagna, ha ricono- sciuto Almunia, «è la disoccupazione, e ciò esige prendere delle decisioni, ed evitare che le parti sociali si tirino i piatti in testa, ma collaborino di più». Per Eurostat, il tasso di disoccupazione nel Paese ha superato quota 20 per cento, che in termini numerici significa oltre 4 milioni di lavoratori in mezzo alla strada. Un livello insostenibile – il più elevato di tutta l’Eurozona – che deriva in gran parte dalla crisi del mattone iberico dopo il boom degli anni immediatamente successivi al 2000.
L’esposizione delle banche nei confronti della bolla immo- biliare, infatti, è di circa 351 miliardi di euro. Una criticità evi- denziata anche da Standard & Poor’s, che in termini generali ha previsto una crescita del Pil intorno allo 0,7 per cento l’anno fino al 2016, rispetto all’1 per cento evidenziato dalle precedenti rilevazioni. Sul medio termine, a pesare enormemente sulla crescita spagnola è l’indebitamento del settore privato, al 178 per cento del Pil, un mercato piuttosto asfittico con una ridotta capacità di esportazione e una crescita costante della spesa pubblica, nonostante, afferma S&P, il Governo dovrebbe rispettare l’obiettivo di mantenere il deficit al 9,8 per cento del Pil entro il 2010. Il debito pubblico è un’altra questione cruciale: S&P stima un aumento del debito ad oltre l’85 per cento del Pil entro il 2013. L’Ine, l’Istat spagnola, ha calcolato un aumento dell’inflazione a quota 1,6 per cento rispetto allo scorso marzo, a causa del mix tra costi energetici in crescita, crollo dei prezzi delle case e disoccupazione. Elena Salgado, ministro dell’Economia iberico, ieri ha sgombrato il campo dalle critiche internazionali dichiarando in una nota che «la Spagna sta facendo di tutto per riportare i conti in ordine», individuando tre nella riallocazione del 5 per cento del Pil prima destinato al mercato immobiliare in altri settori dell’economia, nella ristrutturazione del real estate e nella riduzione della pressione fiscale gli ingredienti per uscire dalla crisi. Secondo gli analisti, lo spauracchio numero uno, per Zapatero, si chiama deflazione: la disoccupazione, infatti, frena non poco la domanda di beni e servizi, generando una caduta dei prezzi. Nei giorni scorsi il premier iberico, nel commentare i dati sulla disoccupazione, si è detto «responsabile della situazione in cui si trovano le persone che hanno perduto l’impiego», sottolineando, però, che nei prossimi mesi «dovremmo vedere una tendenza positiva». I sussidi, ha affermato Zapatero, coprono l’80 per cento della popolazione, assicurando che l’obiettivo numero uno del Governo è la protezione sociale. Intanto, a riprova della linea di austerità adottata dall’esecutivo, è previsto per oggi il via libera al provvedimento che dovrebbe portare al taglio di oltre 300 alti dirigenti di ministeri e aziende a partecipazione statale. Secondo quanto riportato ieri dal quotidiano El Mundo, la misura fa parte di un piano più ampio che dovrebbe ridurre la spesa pubblica di 50 miliardi di euro nei prossimi tre anni.

Da Il Riformista 30 aprile 2010


	

Written by tony

aprile 30, 2010 at 12:56 pm

Pubblicato su ComunicAzione

Tagged with , , , ,