Journalize!

cronache finanziarie dal volto umano

Posts Tagged ‘Marchionne

Intervista a Durante (Fiom) guardando a Fabbrica Italia

leave a comment »

Dopo l’episodio di Treviglio, ieri si sono aggiunti i fatti di Livorno, quando al termine di una
manifestazione organizzata dalle tute blu della Cgil, una sessantina di facinorosi ha lanciato uova
e sassi contro la sede della Cisl locale, intonando cori diffamatori e insulti. Atteggiamenti bollati
come «non consoni al clima che stiamo vivendo» da Fausto Durante, leader dell’ala riformista della
Fiom, che aggiunge: «se Federmeccanica va avanti nonostante gli scioperi, ci sarà una ragione, e su
questa la Fiom si deve interrogare».
Il 5 ottobre parteciperete al tavolo su Fabbrica Italia, come sarà il clima alla luce delle
provocazioni di Livorno e Treviglio? Marchionne oggi (ieri, ndr) si professava ottimista.

Penso che lanciare uova non sia consono ad una situazione grave come quella che stiamo vivendo
e ad una cultura e attitudine come quella della Fiom, sono errori che possono diminuire il consenso
sulle nostre posizioni, danneggiando la nostra immagine. Gli episodi di Treviglio e Livorno
derivano dalla rabbia per accordi e deroghe firmate sulle spalle dei lavoratori, senza fare assemblee
né chiedere un mandato. Per noi, l’esclusione della Fiom è un gesto di rottura che ha creato
esasperazione, che però va incanalata in comportamenti costruttivi. Su Fabbrica Italia confermiamo
che, se Marchionne vuole realizzare questo progetto senza mettere in discussione diritti e tutele
di carattere legislativo e costituzionale, siamo disponibili a partecipare, a fare 18 turni come a
Pomigliano. Con le forme di gestibilità dell’orario che già oggi il contratto nazionale mette a
disposizione, la Fiat è assolutamente in grado di raggiungere gli obiettivi produttivi prefissati.
Il segretario regionale della Fiom torinese, Giorgio Airaudo, intervenendo oggi (ieri,
ndr) sul caso di Pino Capozzi – il sindacalista Fiom di Mirafiori licenziato dalla Fiat per aver
utilizzato la mail aziendale a scopo sindacale – ha detto che si tratta di «una delle tante cause
che la Fiat ha disseminato per l’Italia». Vi sentite perseguitati?

È del tutto evidente che la Fiat sta assumendo un atteggiamento intimidatorio nei confronti della
Fiom, ma questo è funzionale alla filosofia di Marchionne, che ha in testa solo il sindacato che
gli dice di sì, chi ha un’opinione diversa diventa un nemico da abbattere, e questo dimostra
l’accanimento nei confronti dei delegati della Fiom, con l’aumento di provvedimenti disciplinari.
Intanto la discussione sulle deroghe con Federmeccanica va avanti. Addirittura si è
scomodato il Financial Times, chiedendovi di essere più realisti nel caso Fiat, dicendo che non
siete consapevoli della vostra debolezza. Come risponde?

Quello che sta accadendo nel settore metalmeccanico è assolutamente anomalo e peculiare, senza
pari negli altri settori, dove la Cgil siede ai tavoli e si rinnovano i contratti nazionali con la firma
della Cgil, e non si parla di deroghe o contratti separati. Se Federmeccanica va avanti nonostante
tutti gli scioperi, forse ci sarà una ragione, e su questa ragione anche la Fiom è chiamata ad
interrogarsi.
Quando un sindacato con una storia così forte come la Fiom parla di «rinnovamento delle
relazioni industriali», cosa intende esattamente?

La mia opinione personale, anche se purtroppo rappresento una corrente minoritaria, è questa: un
Paese industrializzato come l’Italia, se ha un sistema imploso, perde uno degli elementi della sua
competitività, un Paese in cui c’è precarietà confusa con flessibilità perderà produttività, un Paese
con un contratto che deperisce a suon di deroghe perderà ancora competitività. Marchionne non
può pensare al sindacato come un punching – ball, ma ad una controparte con cui discutere un
contratto meno pesante e prescrittivo, avvicinandolo alle esigenze dei lavoratori e del territorio.

Il Riformista 2 ottobre 2010

Annunci

Written by tony

ottobre 2, 2010 at 12:13 pm

Fiat, spin off al via, ma la partita vera è in Usa

with one comment

Dopo un’attesa che durava dalla scorsa primavera, l’assemblea straordinaria degli azionisti Fiat,
riunita ieri al Lingotto, ha approvato la scissione tra Fiat Spa e Fiat Industrial. «Non abbiamo
paura del futuro e vogliamo costruirlo» ha dichiarato in apertura il presidente del Gruppo John
Elkann. «Oggi portiamo le lancette avanti nel tempo», ha spiegato l’ad Sergio Marchionne,
sottolineando che «di fronte alle grandi trasformazioni in atto nel mercato non possiamo permetterci
il lusso di guardare alle nostre attività riducendo la prospettiva ai confini storici o ai domicili
legali». «La sfida», ha proseguito, «richiede una soluzione strategica che abbia una portata tale da
ridefinire il panorama industriale». La sfida in questione è nota: quota 6 milioni di auto, il livello
minimo individuato da Marchionne per rimanere leader nel mercato globale. Da ieri, lo sono anche
le strategie del Lingotto per raggiungerla. Molti si attendevano una risposta dal meeting di ieri,
in Italia come negli States, su molteplici fronti caldi: l’indebitamento delle due nuove società, le
sinergie industriali con Chrysler, Fabbrica Italia e il futuro degli stabilimenti di Melfi e Pomigliano,
la scommessa sull’alta gamma con i marchi Alfa e Ferrari, la saturazione del mercato europeo e la
ripresa di quello dei veicoli agricoli e industriali. Sono stati accontentati tutti. Ecco le novità:
Debiti – L’indebitamento netto di Fiat Spa – che include Fiat Group, i marchi Ferrari, Maserati,
Magneti Marelli, Teksid, Comau e la parte «passenger and commercial vehicles» di Ftp powertrain
technologies – sarà pari a 2,662 miliardi di euro, 1,227 per Fiat Industrial, di cui faranno parte
Iveco, Cnh e la divisione «industrial and marine» di Fpt powertrain technologies. Nel complesso,
il Gruppo avrà un indebitamento netto industriale di 2,5 miliardi di euro, con liquidità pari a 10
miliardi, 3 miliardi per il ramo Industrial. Il quale sarà quotato in Piazza Affari il prossimo 3
gennaio, attraverso il collocamento di azioni ordinarie, privilegiate e di risparmio, rispecchiando
lo schema adottato finora dalla casa torinese. Completata l’operazione, a ogni azionista sarà
assegnata un’azione Industrial di pari categoria, senza versare alcun corrispettivo. Le obbligazioni
– 9 miliardi Fiat Spa, dei quali 3 in scadenza nel 2011, e 2 miliardi Fiat Industrial, derivanti da Cnh
– rimarranno in capo alle società emittenti. Ieri in Borsa il sentiment degli operatori è stato «sell
on news»: il titolo ha ceduto oltre due punti percentuali, scontando da un lato l’incertezza sulla
sostenibilità di Fiat Spa, in parte per fattori di contesto in parte per scarsi investimenti, dall’altro
sulla scia dei dati diffusi da Acea. L’associazione che riunisce i produttori europei, infatti, ha
evidenziato dati preoccupanti relativi al periodo estivo: immatricolazioni Ue a meno 18 e 12,9 per
cento anno su anno a luglio e agosto rispettivamente; Fiat sotto la media, a meno 31,1 per cento e
23,8 per cento, numeri «assolutamente prevedibili» per Marchionne. Kepler Capital, in un report,
stima un aumento delle vendite globali di Fiat intorno al 5 per cento per i prossimi due anni, e un
target price globale di 10,6 euro per azione.
Sinergie – Se la nuova divisione extra auto non avrà un amministratore delegato unico – scelto
all’interno dell’azienda – sulle quattro ruote il Lingotto punterà sull’integrazione con Chrysler,
soprattutto con Lancia nell’alta gamma, e accelerare lo sviluppo nei Bric. La liquidità in cassa sarà
sufficiente al riacquisto del 5 per cento di Ferrari da Abu Dhabi, «importante per noi tornare al
90 per cento», ha detto ieri Marchionne, non escludendo l’ipotesi Ipo. Su Chrysler, tutto procede
secondo il piano industriale: confermando l’Ipo della casa di Detroit nel 2011, il manager ha
annunciato che la quota di Fiat potrebbe salire al 25 per cento dopo il lancio della 500, per poi
arrivare al 35 entro il 2011 e al definitivo 51 per cento quando i debiti nei confronti dei Governi
americano e canadese scenderanno sotto quota 4 miliardi di dollari.
Sindacati – «Dont’believe your own press» è il Marchionne – pensiero: Fabbrica Italia «è una
scelta industriale indipendente da qualsiasi scelta politica, mentre la nuova Fiat sarà «un porto
sicuro» per i lavoratori. Intanto, la Fiat ha comunicato il ricorso ulteriore alla Cig per gli operai di
Termini Imerese dal 20 al 29 ottobre, mentre si concludeva la marcia da Melfi a Roma di Giovanni
Barozzino, Antonio Lamorte e Marco Pignatelli, i tre operai licenziati dallo stabilimento lucano lo
scorso luglio.

Il Riformista 17 settembre 2010

Written by tony

settembre 17, 2010 at 6:51 pm

La nuova Fiat Spa si pronuncia Chrysler

leave a comment »

Si scrive Fiat Spa, si legge Fiat – Chrysler. Il percorso che potrebbe portare alla fusione delle due
case separate dall’Atlantico comincia oggi al Lingotto, quando, durante l’assemblea straordinaria
dei soci, Sergio Marchionne annuncerà lo spin off Fiat Industrial, divisione che raggrupperà tutte
le attività del Gruppo non strettamente legate all’auto, come veicoli industriali, macchine agricole
e componentistica, e in cui rientreranno i marchi Iveco e Cnh. Un meeting che si preannuncia
decisivo anche per chiarire l’ammontare del debito in seno alle due società, questione finita sotto la
lente della Consob, che aveva domandato maggiori informazioni sui criteri di ripartizione del rosso,
pari a 740 milioni di euro per la parte auto e 3,67 miliardi per la nuova società. Perchè la scissione
sia effettiva, in ogni caso, bisognerà attendere il gennaio 2011, quando i due titoli saranno quotati in
Piazza Affari. Secondo programma, al capitale di Fiat Industrial saranno aggiunti altri due miliardi
di euro, attraverso una riduzione del valore nominale delle azioni Fiat pari a 3,50 euro, e di un
altro miliardo e 800 milioni dalle riserve. A cui si aggiunge il finanziamento da 4 miliardi di euro
presentato lo scorso luglio, attraverso una lettera confidenziale, da un pool di banche – da Barclays
a Bnp Paribas, da Citi a Credit Agricole, da Unicredit a Intesa, passando per Societé Generale e
Rbs.
Da Torino, invece, non trapela alcuna indiscrezione sul nome dell’amministratore delegato della
nuova società: si sa soltanto che, come vuole tradizione, sarà un manager interno all’azienda.
Un’incognita che si somma alle molteplici questioni ancora sul tavolo, riassumibili in due parole:
razionalizzazione e investimenti. Sul primo punto, il più controverso, gli analisti che seguono il
titolo, contattati dal Riformista con la promessa dell’anonimato, sono concordi nel ritenere che,
qualora andasse bene l’Ipo di Chrysler, programmata da Marchionne per il 2011 – oltre che dalle
condizioni di mercato, infatti, molto dipende dal collocamento di General Motors – il merger con
Fiat Spa sarebbe cosa fatta entro l’anno prossimo. In fondo, riflette un operatore, il salvataggio di
Chrysler non è costato un euro, e l’Ipo sarebbe appannaggio della Uaw, il sindacato americano.
Un’ipotesi del genere comporterebbe l’inevitabile diluizione della quota di controllo da parte di
Exor, la holding cassaforte della famiglia Agnelli, che passerebbe dall’attuale 35 al 20 per cento.
Un accorciamento della catena societaria che avrebbe un impatto diretto sul business editoriale,
voce certamente non profittevole, ma dal peso non troppo significativo nel bilancio del Gruppo:
La Stampa e il pacchetto Rcs, a questo punto, passerebbero da Fiat Spa ad Exor. L’obiettivo
è alleggerire gli oneri di Fiat Auto, alla luce della saturazione del mercato privato europeo,
evidenziata già nella semestrale e ribadita ieri dai dati diffusi da Ihs global insight, nei primi 8
mesi dell’anno Fiat è passata dal 9 all’8 per cento delle quote di mercato europeo, mentre i numeri
del mese scorso parlano di un calo delle immatricolazioni intorno al 20 per cento sul 2009 nella
stragrande maggioranza dell’Eurozona. In questo contesto rientra la trattativa per il riacquisto del
5 per cento di Ferrari detenuto da Mubadala, fondo sovrano di Abu Dhabi, che a giudizio degli
analisti assumerà la forma di private placement. Sul valore pre – scissione, tuttavia, gli analisti sono
discordi: la forchetta sul target price va dai 9 ai 16 euro complessivi, passando per gli 11 euro di Jp
Morgan. Valutazioni che, comunque, non tengono conto di possibili upside derivanti dalle sinergie
industriali e distributive con Chrysler.
Sul secondo punto, gli investimenti, sono intervenuti ieri i segretari di Cisl e Uil dal tavolo con
Federmeccanica sulle deroghe al contratto siglato nel 2008. «Che l’azienda si stia ristrutturando
anche a livello internazionale è molto importante, ma la cartina di tornasole sta negli investimenti»
ha detto Bonanni. L’obiettivo per sopravvivere, come disse Marchionne a suo tempo, rimane quota
6 milioni di veicoli prodotti l’anno.

Il Riformista 16 settembre 2010

Written by tony

settembre 16, 2010 at 1:07 pm

Pubblicato su ComunicAzione

Tagged with , , , , , ,

Pomigliano 1980

leave a comment »

Come mi ha detto qualche giorno fa Valerio Castronovo, storico di fede riformista, oggi a Pomigliano si gioca una partita simile a quella che portò a Torino alla famigerata “marcia dei 40mila”. Vedremo questa sera, se, come si è scritto da più parti in queste settimane, dal voto dei lavoratori emergerà che l’oltranzismo della Fiom sia anacronistico in un contesto dove le relazioni tra industria e tute blu sono profondamente cambiate, sopratutto per via della contrattazione di secondo livello.

View this document on Scribd

Written by tony

giugno 22, 2010 at 11:40 am

Pubblicato su ComunicAzione

Tagged with , , , ,